Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie tecnici ed analytics unicamente per gestire l’autenticazione, la navigazione e raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti che visitano il sito. Continuando a navigare o cliccando su OK accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni o bloccarne l’utilizzo clicca sul pulsante INFORMAZIONI.

Il Centro Congressi del Lingotto Fiere di Torino ha fatto da sfondo, tra giovedì 30 novembre e sabato 2 dicembre, al VIII Congresso IG-IBD che ha riunito i massimi esperti della medicina che da anni studiano le Malattie infiammatorie croniche dell’intestino.

Al Congresso ha preso parte anche l’associazione AMICI Onlus che, attraverso un intervento affidato al direttore Salvo Leone, ha illustrato i risultati raggiunti in questi ultimi anni e ha presentato i dati dell’indagine WeCare che vuole definire con i pazienti i nuovi parametri qualitativi per garantire una migliore qualità della cura e dello studio condotto sull’impatto economico e sociale determinato dalle MICI e dal trattamento ad esse associato sostenuto dai pazienti per curarsi.

Il meeting ha inoltre sancito l’avvicendamento al vertice di IG-IBD con il passaggio di testimone tra il segretario uscente Fernando Rizzello e Alessandro Armuzzi che guiderà l’organizzazione per il prossimo biennio. <Siamo molto soddisfatti perché il convegno è stato un successo soprattutto in termini di numeri, per l’entusiasmo e in particolare perché abbiamo riscontrato una buona presenza di giovani – commenta Rizzello – sono stati toccati tutti gli argomenti più dibattuti al momento sul tema delle MICI e quindi il consuntivo non può che essere positivo, per quanto riguarda il mandato che si chiude sono stati quattro anni terribilmente intensi e impegnativi che ci hanno permesso di consolidare una società scientifica, la prima sulle MICI, che ha ottenuto importanti riconoscimenti da parte delle istituzioni>.

Il nuovo direttivo è così chiamato a raccogliere una sfida avvincente e a continuare nel solco tracciato fin qui. <Questa società si è compattata e strutturata negli ultimi anni – afferma Armuzzi – quello che puntiamo a fare ora è mantenere e migliorare quello che c’è soprattutto per quanto riguarda la produzione scientifica, la valorizzazione dei giovani e il rapporto con le istituzioni e le associazioni>.  

 

ISCRIVITI!

Questo contenuto è riservato ai soci dell'associazione.

Per avere accesso illimitato a tutti i contenuti del sito e per scoprire i vantaggi di essere un socio AMICI clicca qui sotto.