Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie tecnici ed analytics unicamente per gestire l’autenticazione, la navigazione e raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti che visitano il sito. Continuando a navigare o cliccando su OK accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni o bloccarne l’utilizzo clicca sul pulsante INFORMAZIONI.

Presentiamo un aggiornamento delle norme sulle revisioni e consulenze isto-citologiche effettuate a scopo di diagnosi e cura del paziente, elaborato dal Consiglio Direttivo SIAPEC IAP, sulla base del testo contenuto nel Manuale FISAPEC del 1994.

Il nuovo testo, pubblicato sul sito della SIAPEC IAP Sito della Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia diagnostica - Divisione Italiana della International Academy of Patology (http://www.siapec.it) che viene incontro all’esigenza di avere sull’argomento delle linee guida di comportamento adeguate ai tempi ed in grado di tutelare il pieno rispetto dei diritti del Paziente
Al documento sono allegati a titolo puramente esemplificativo alcuni modelli standard dei moduli di richiesta e di consegna del materiale.

Testo approvato dal CD del 24 gennaio 2004
NORME PER CONSULENZE E CONSULTI ISTO-CITOLOGICI RICHIESTI A SCOPO DI DIAGNOSI E CURA DAL PAZIENTE

1. La richiesta in visione di preparati isto-citologici è di norma effettuata dal paziente (se minore dal tutore) o da persona da lui delegata a termini di legge (con delega scritta firmata dal paziente ed accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità del delegante). La eventuale richiesta da parte del medico curante (medico di fiducia o appartenente alla istituzione che ha in quel momento in cura il paziente stesso) presuppone in ogni caso il consenso del paziente anche in ordine al trattamento dei dati sensibili.

2. E’ opportuno che ogni struttura complessa di anatomia e istologia patologica predisponga un modulo di richiesta firmato dal richiedente in cui compaiano:
a) le generalità, l’indirizzo ed il recapito telefonico del paziente (o del delegato richiedente);
b) la descrizione del materiale richiesto in visione con eventuale specifica richiesta di sezioni in bianco o dell’inclusione in paraffina;
c) il nome del patologo per il consulto o dell’istituzione per la consulenza;
d) l’impegno a restituire il materiale con copia del referto del consulente;
e) l’impegno a non utilizzare il materiale concesso in visione per scopi diversi da quelli connessi con la consulenza senza esplicita autorizzazione.

3. La struttura complessa di anatomia e istologia patologica provvede alla consegna del materiale, che viene affidato in custodia al richiedente, corredato di lettera di accompagnamento a firma del Responsabile (o di Dirigente da lui delegato) recante la descrizione analitica di quanto consegnato (il paziente o il delegato firmano per l’affidamento in custodia) e copia del referto originale.
Nel caso si consegni l’inclusione è consigliabile acquisire una apposita liberatoria a firma del paziente, che esoneri da tutte le eventuali responsabilità presenti e future derivanti da smarrimento, perdita o distruzione del materiale.

4. Il patologo che effettua il consulto deve attenersi alle norme previste dal Codice di deontologia medica (cfr. art. 60 – Divergenza tra curante e consulente) e deve inviare copia del suo referto al Responsabile della struttura complessa di anatomia e istologia patologica dalla quale proviene il materiale ricevuto in visione.
E’ consigliabile che il referto del consulente contenga anche un commento riguardo la sostanziale concordanza, al di là della terminologia utilizzata, del parere diagnostico del consulente rispetto a quello originariamente espresso.

5. Nel caso di richiesta specifica di sezioni in bianco per eseguire colorazioni immunoistochimiche per markers prognostici, il referto del consulente dovrebbe contenere anche un commento attestante che la eventuale difformità con le stesse colorazioni precedentemente eseguite non implica necessariamente una errata esecuzione delle stesse potendo essere dovuta unicamente all’utilizzo di metodiche o reagenti diversi.
6. Tutta la documentazione relativa alla richiesta, alla consegna ed alla restituzione del materiale andrà debitamente custodita in archivio ed il referto del consulente allegato a quello originale.

-------------------------------------------------------------------------------

Consegna preparati isto-citopatologici per consulenza presso altro Istituto.

Prot. Luogo e Data

Su richiesta dell’Interessato o persona espressamente delegata, munita di documento d’identità, secondo quanto previsto dalla legge “Sulla Protezione dei Dati Personali “D.L. 30 Giugno 2003, n°. 196, si consegnano i seguenti preparati isto-citopatologici, con relativo referto, per consulenza presso altro Istituto.

• Cognome, nome, data di nascita, indirizzo e recapito telefonico: .
• Caso n°: .
• Nome Medico richiedente: .
• Istituto presso cui sarà effettuata la consulenza: .
• Quantità e tipo preparati:

Istologico n.
Citoistologico n.
Agoaspirato n.
Pap test n.
Istochimica n.
Immunoistochimica n.
Foto M.E. n.
Sezioni non colorate n.
Inclusione in paraffina n.

Firma dell’incaricato/a del ritiro:

Da compilarsi in caso di consegna di materiale non ripetibile (inclusioni in paraffina, preparati citologici) :

Il/La sottoscritto/a........................................................., nato/a a ......................................., il....................., residente in .....................................………………………………………..,
n. documento di riconoscimento.................................................,
si assume la personale responsabilità del ritiro e della custodia del materiale sopra citato (......................),
dandone ampia e completa liberatoria alla S.O.C. di Anatomia Patologica consegnante.

Firma dell’incaricato/a del ritiro....................................................

Si resta in attesa della restituzione dei preparati e di copia del referto del Consulente.

Cordiali saluti.

Il Direttore della Struttura Complessa di Anatomia Patologica
-----------------------------------------------------------------------------

Intestazione Struttura Complessa di anatomia Patologica

Prot. n°…………

Il sottoscritto ………………………………………………………………………...................…………………
nato a …………………………………….........……………… il ………………………..… residente in .................. …………………………………………………. Via………….. …………………………………….…..................................……………………………
n° ………… documento di riconoscimento………………….......................

RICHIEDE

In visione i preparati* isto/citologici ……………………..………………………….
relativi a …………………………………………………………………………………………………….………
(in caso di richiesta in favore di altri occorre allegare in originale la delega firmata con fotocopia del documento di identità valido del delegante) eseguiti da codesto Servizio per sottoporlo in visione al:
Dr. /Prof ………………………………………………………………………………………………
Istituto/Ospedale ……………………………………………………………………………….
Si impegna a non utilizzare il materiale ricevuto in visione per scopi diversi da quelli connessi con la consulenza senza esplicita autorizzazione e a restituire il materiale stesso unitamente a copia del referto del consulente.

*Specificare la richiesta di eventuali sezioni in bianco o di altro materiale

Data …………………………….. Firma …………………………………….

Richiesta ricevuta in data …………………… Da ..……………………………….…

Presa visione di quanto sopra, autorizzo il prelevamento dei preparati contrassegnati con il numero:………………………………………………dall’archivio della Struttura Complessa di con la consegna di preparati colorati n° ………… e in bianco n°………………………………

Data …………………………… Il responsabile …………………………………..

ISCRIVITI!

Questo contenuto è riservato ai soci dell'associazione.

Per avere accesso illimitato a tutti i contenuti del sito e per scoprire i vantaggi di essere un socio AMICI clicca qui sotto.