Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie tecnici ed analytics unicamente per gestire l’autenticazione, la navigazione e raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti che visitano il sito. Continuando a navigare o cliccando su OK accetti l’utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni o bloccarne l’utilizzo clicca sul pulsante INFORMAZIONI.

Il 13 giugno 2017 alle ore 9 a Milano, presso l'Auditorium "Testori" del Palazzo Lombardia, prima di Conferenza di Consenso sul Patient Engagement in Ambito Clinico-Assistenziale per le Malattie Croniche 

 

Perché una Conferenza di Consenso sul Patient Engagement in Ambito Clinico-Assistenziale per le Malattie Croniche?
La cronicità è il nuovo scenario con cui i professionisti e le istituzioni devono confrontarsi per sviluppare risposte assistenziali efficaci e sostenibili. Confrontarsi con la cronicità significa fare i conti con una gestione a lungo termine del malato - e con i costi che ne derivano . Di conseguenza, diviene prioritario favorire un’efficace integrazione tra le organizzazioni sanitarie e i servizi territoriali e ottimizzare i percorsi terapeutici degli utenti – oggi sempre più complessi ed articolati. Alla luce di questo scenario, il concetto di Patient Engagement (o coinvolgimento attivo del malato) ha assunto crescente attenzione in sanità1. Gli ultimi decenni, infatti, hanno visto un viraggio profondo dei modelli di cura verso una crescente e sempre maggiore valorizzazione del ruolo della persona, vista come soggetto attivo ed “esperto” all’interno del processo clinico-assistenziale. D’altro canto, i sistemi sanitari si trovano ad interloquire con persone che esprimono il desiderio di avere un ruolo più attivo in tutte le fasi del percorso sanitario. Ciò implica anche il coinvolgimento della rete famigliare e sociale: i malati sono, infatti, inseriti nelle proprie comunità di riferimento, e il loro obiettivo è quello di rimanerne membri attivi.
Quali sono gli obiettivi della Conferenza di Consenso ?
Tuttavia, sebbene i ricercatori e i clinici siano d'accordo circa la priorità etica e pragmatica della promozione del Patient Engagement, ad oggi manca un consenso circa la definizione di questo concetto e in merito alle strategie e gli strumenti più idonei per il raggiungimento di questo obiettivo. Le prospettive dei pazienti e degli operatori sanitari sui fattori che possono sostenere o per contro ostacolare il Patient Engagement non sono state ancora sufficientemente studiate e, attualmente, non esistono chiare raccomandazioni sugli interventi più efficaci o più funzionali per raggiungere l’obiettivo del Patient Engagement. Sulla base di queste premesse, l’Università Cattolica di Milano, in collaborazione con Regione Lombardia, sotto la supervisione metodologica dell’Istituto Superiore di Sanità e con la partecipazione di rappresentanti del Ministero della Salute, ha promosso una Conferenza di Consenso dal titolo: “Raccomandazioni per la promozione del Patient Engagement in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche” che costituirà un ambiente di scambio e di discussione tra esperti appartenenti a diversi contesti clinici e istituzionali al fine di identificare buone pratiche e strumenti efficaci per promuovere il Patient Engagement in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche.

Qual è l’iter metodologico seguito?
Essendo il tema del Patient Engagement ancora largamente controverso e ampio nella sua natura, necessitante la costruzione di un consenso multidisciplinare e multi-stakehoder per la definizione di raccomandazioni per la pratica clinica, il metodo della Conferenza di Consenso è apparso il più adeguato. L’iter metodologico della Conferenza di Consenso adottato ha seguito lo standard definito dal Consensus Development Program del NIH statunitensi e la metodologia descritta nel Manuale SNLG prodotto dall’Istituto Superiore di Sanità ed è avvenuto sotto la supervisione metodologica dell’Istituto Superiore di Sanità. Alla Conferenza di Consenso hanno partecipato oltre 100 esperti, rappresentanti di diversi mondi professionali, delle associazioni di cittadini e pazienti e delle istituzioni.
Ad oggi si sono concluse le fasi preliminari di raccolta ed analisi delle evidenze (i.e. review sistematica della letteratura; indagine ad hoc; gruppi di lavoro con esperti).

Il 13 giugno p.v. (9.00 – 13.00) si terrà a Milano (Auditorium Testori, Palazzo Lombardia) la fase finale di celebrazione del consenso e di promulgazione delle raccomandazioni finali (validate precedentemente da una giuria composta da un panel di esperti).

L​a partecipazione all'evento è gratuita, previa iscrizione collegandosi a questo indirizzo: [Clicca Qui]

[Clicca Qui] per scaricare il programma

Per informazioni ulteriori contattare la segreteria scientifica del progetto inviando una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ISCRIVITI!

Questo contenuto è riservato ai soci dell'associazione.

Per avere accesso illimitato a tutti i contenuti del sito e per scoprire i vantaggi di essere un socio AMICI clicca qui sotto.